A forma di farfalle, Astipalea, situata tra le isole Anafi, Kos e Amorgos, è un "ponte" che collega le Cicladi e il Dodecaneso. E' anche l'isola più occidentale del Dodecaneso.

Piena di colline, con splendide spiagge e pittoreschi paesini, l’isola invita i suoi visitatori a fare un viaggio magico attraverso il blu dell’ Egeo e il bianco delle case.

Chora, il capoluogo e il porto dell’isola, è stata costruita su una roccia sporgente sul mare, formando due baie, quella del porto e di Livadi. La vista su Chora unendosi al porto di Pera Gialos, rende il capoluogo di Astipalea uno dei borghi più belli dell’ Egeo. Sulla cima di Chora domina il castello veneziano, costruito con la pietra scura locale e circondato da piccole case con pareti bianche, era la residenza della famiglia Querini.

I muri esterni delle case creano un vero e proprio muro con piccole finestre per scappatoie. All’interno del castello si trovano due chiese bianche, Panagia Evaghelistria e Aghios Gheorgios, con guglie elaborate di pietra. Sull’ altro lato si trova il castello di Ai-Ghiannis che, come vuole la tradizione, era inespugnabile ed è servito come riparo agli abitanti contro gli attacchi dei pirati.

Sulla cima della collina che sovrasta la Chora, si trovano dei mulini a cilindro, i cui tetti si girano secondo la direzione del vento.

L'isola è divisa in due parti, Messa Nissi e Exo Nissi, unite da una sottile linea di terra larga. Se non ci fosse questa stretta striscia di terra, le due parti di Astipalea sarebbero due isole distinte. Delle barche portano i visitatori che amano le spiaggie isolate agli isolotti vicini Kutsomiti e Sirna.

A Exo Nissi vale veramente la pena visitare Aghios Ioannis per ammirare la sua cascata e Livadi, situato a sud di Chora, con la sua lunga spiaggia. Nella zona di Livadi, si può godere di una splendida vista di una valle fertile, coperta degli alberi da frutta e dei fiori. Un’ immagine ricca di colori che si fonde perfettamente con il paesaggio costiero.

Nella parte sud di Messa Nissi, si trova Maltesana o Analipsi, il principale centro turistico balneare di Astipalea. Il paesino è stato chiamato Maltesana per i pirati maltesi che avevano come base l'isola. Nella baia di Maltesana, il capitano Bigot, nel 1827, pur di non far catturare la sua nave, preferì darle fuoco ed affondare. Sul lato nord-est dell'isola si trova la laguna, Hameni Limni, sulla cui riva è situato Vathi.

Gli isolotti Hondro, Ligno, Aghia Kiriaki, Kutsomiti con la bella spiaggia e Kunupi, sono una scelta eccelente per una gita giornaliera in barca. Gli isolotti Adelfia, Sirna e Trianisia ci sono un po’ più lontano. A ovest si trovano gli isolotti Ktenia, Pontikussa, Ofidussa, Katsagreli e a nord Fokies.

L'assenza dei serpenti sull'isola, dato che Astipalea si trova nella rotta di migrazione che seguono le cicogne, sarà un sollievo per quelli che li temono.

Un’ isola ideale per le vacanze estive, visto che offre agli visitatori pesce abbondante e fresco, tranquillità e un'oasi di frescura e di natura.